About
14
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-14,bridge-core-2.0.3,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
13083193_10209904100867507_2652506676109658785_n

About me

Daniele Cinciripini alterna l’insegnamento universitario alla cura di progetti fotografici multidisciplinari, e a progetti di ricerca personali.

Indaga il paesaggio, quale spazio d’esistenza dell’umanità, utilizza il cammino come metodo di osservazione e studio dell’ambiente.

È membro del team del Laboratorio del cammino, un network di studenti e ricercatori motivati ad utilizzare il cammino per innovare metodi, strumenti e contenuti dell’urbanistica.

Photo editor per Primapersona rivista semestrale dell’Archivio Nazionale dei Diari di Pieve Santo Stefano, docente di Fotografia presso l’Università di Teramo.
Esperto di antiche tecniche di stampa; specializzato nelle tecniche di ritratto psicoanalitico secondo “Il metodo The Self-Portrait Experience® incontra la Psicoanalisi” di Cristina Nuñez e Serena Calò.

Ha frequentato una masterclass con Rinko Kawauchi a Roma, 2010, sulla costruzione del libro fotografico.
Ha preso parte a quattro edizioni delle campagne fotografiche SINTESIS, dal 2009 al 2012, curate da Savignano Immagini, con Guido Guidi, Simon Roberts, Marco Zanta e Andrew Phelps.

È presidente e fondatore di Ikonemi, centro indipendente fotografia e immagini di paesaggio, con sede nella Valle del Tronto, ne dirige le attività e il magazine annuale bab.
Cura e coordina progetti culturali multidisciplinari: nel 2014 Daniele idea, insieme a ROOM012, Connessioni Urbane un ciclo d’incontri multidisciplinari e campagna fotografica sulle trasformazioni della città di San Benedetto del Tronto, nel 2015-16 dirige Fondovalle indagine fotografica e multidisciplinare della Valle del Tronto, e nel 2017, cura l’indagine fotografica del Delta del Po Veneto Arcipelago Polesine, che ha visto partecipare 20 fotografi da tutta Italia.