Daniele Cinciripini | Dove la terra finisce
394
page-template-default,page,page-id-394,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Dove la terra finisce

Il confine viene generalmente inteso quale linea astratta che separa, ed unisce allo stesso tempo, due realtà dissimili fra loro. Nell’esperienza comune il confine tra due alterità geografiche, come acqua e terra, non è esperibile come una linea netta, esso è piuttosto uno spazio tra le due alterità, che mescola elementi dell’una e dell’altra al suo interno, in quella che sarebbe meglio indicabile come zona di confine. Il polesine è una zona di confine sviluppatasi là dove la terra finisce, sul limitare mutevole tra la terra e le acque dolci e salate.

Nello spazio di questo confine Daniele ha individuato e rappresentato le tracce delle ultime generazioni di abitanti, i giovani e giovanissimi, studiandone le abitudini e gli spazi frequentati.

 

Serena Marchionni