Il letto, le pietre
564
page-template-default,page,page-id-564,bridge-core-1.0.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-19,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.2,vc_responsive

Il letto, le pietre

«Da dove si comincia? I muscoli si tendono. Una gamba è il pilastro che sostiene il corpo eretto tra cielo e terra. L’altra, un pendolo che oscilla da dietro. Il tallone tocca terra. Tutto il peso del corpo rolla in avanti sull’avampiede. L’alluce prende il largo, ed ecco, il peso del corpo, in delicato equilibrio, si sposta di nuovo. Le gambe si danno il cambio. Si parte con un passo, poi un altro e un altro ancora che, sommandosi come lievi colpi su un tamburo, formano un ritmo: il ritmo del camminare. La cosa più ovvia e più oscura del mondo è questo camminare, che si smarrisce così facilmente nella religione, la filosofia, il paesaggio, la politica urbana, l’anatomia, l’allegoria e il crepacuore.»

Rebecca Solnit, Storia del camminare.

Il letto, le pietre è il diario a quattro mani di un cammino, 210 km a piedi da Mazara del Vallo a Palermo, in Sicilia. Una riflessione fatta di immagini e pause, dolore e rivelazioni, segnate dal ritmo lento e ripetitivo dell’incedere a piedi attraverso l’isola da mare a mare.
In esso trovano forma di una serie appunti su cosa significa guardare, quando improvvisamente la coscienza si desta vedendo qualcosa, e si sente di aver colto una presenza pura, di aver compreso anche se solo per un istante il nostro essere nel mondo.
Questo flusso di immagini si è determinato dal movimento del corpo, che condiziona il nostro vivere lo spazio; la memoria è inimmaginabile senza dimensioni fisiche, questo libro cerca la risonanza tra immagini e luoghi, tracciati reali e ricordi, nomina le cose mentre il corpo le attraversa, a piedi, per lunghissimi giorni ripetendo passo dopo passo un gesto semplice, elementare e sovversivo, camminare.

Daniele Cinciripini, Serena Marchionni

 

Questo libro è stato realizzato durante la Summer School, Sicilia Coast to Coast, camminare in territori vulnerabili. Daniele e Serena sono membri del team del laboratorio del cammino, un Il Laboratorio del Cammino (LdC) è un network di studenti e ricercatori motivati ad utilizzare il cammino per innovare metodi, strumenti e contenuti dell’urbanistica.

«Where does it start? Muscle tense. One leg a pillar, holding the body upright between the earth and sky. The other a pendulum, swinging from behind. Heel touches down. The whole weight of the body rolls forward onto the ball of the foot. The big toe pushes off, and the delicately balanced weight of the body shifts again. The legs reverse position. It starts with a step and then another step and then another that add up like taps on a drum to a rhythm, the rhythm of walking. The most obvious and the most obscure thing in the world, this walking that wanders so readily into religion, philosophy, landscape, urban policy, anatomy, allegory, and heartbreak.»
Rebecca Solnit, Wanderlust: A History of Walking.
The bed, the stones is a four-handed diary of a on foot journey, we walked 210 km from Mazara del Vallo to Palermo, in Sicily. A reflection made of pictures and pauses, pain and revelations, marked by the slow and repetitive rhythm of the walk through the island, from sea to sea.
This book consists of a series of notes about the meaning of look, the sudden awakening of our conscience when something comes at sight and we feel like we’ve just captured a pure presence, and we seem to understand, even if only for an instant, the meaning of our being in this world.
This visual flow is determined by the movement of body, that conditions the way we live and feel the space; memory is unimaginable without physical dimensions, in this book we’ve looked for a resonance between images and places, trails and memories, we’ve tried to name things while our bodies were crossing them; we’ve done that by foot, repeating for long days a simple, elementary and subversive gesture: walk.
Daniele Cinciripini, Serena Marchionni

 

This book is realized during the Laboratorio del Cammino’ Summer School 2018 “Sicilia coast to Coast, walking through vulnerable lands”. Serena and Daniele are member of the Laboratorio del Cammino’team, it is a network of students and researchers motivated to innovate urban planning methods, tools and contents.

Mostre e Pubblicazioni

Athens Photo Festival 2019 at the Benaki Museum.