MEDITAZIONI VISIVE SU PERSONA DI INGMAR BERGMAN – Diario di un opera #1
1085
post-template-default,single,single-post,postid-1085,single-format-gallery,bridge-core-3.0.1,qode-quick-links-1.0,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-28.5,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.7.0,vc_responsive

MEDITAZIONI VISIVE SU PERSONA DI INGMAR BERGMAN – Diario di un opera #1

Avvicinarsi all’altra, al mondo, il desiderio insopprimibile di contatto, relazione, svelamento… che puntualmente mi allontana dalla natura delle cose per ritrovarmi nell’intimo della mia nuda umanità.
Da sempre la poetica di Bergman rappresenta per me un punto di riferimento, di studio e ricerca. Fin dall’inizio del mio percorso come fotografo è stato forte in me il desiderio di decifrare le dinamiche della sua lingua visuale.
Da circa due anni questa ricerca è animata da un confronto sincero con Maurizio Giovanni De Bonis, che mi affianca in qualità di curatore, partecipando al processo di redazione dell’opera.

 

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.