Daniele Cinciripini | Ten Minutes
223
page-template-default,page,page-id-223,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

TEN MINUTES

Secondo la legge italiana ogni impiegato ha diritto ad almeno 10 minuti di pausa all’interno di un turno di lavoro. Dieci minuti è un momento in cui la persona è in uno stato di immobilità certificata. Dieci minuti è un intervallo che interrompe il tempo della produttività e fa ripartire il tempo personale del lavoratore.
Gli impiegati lasciano il tempo scandito e razionalmente strutturato del lavoro, ed entrano in un momento destrutturato e libero, qui ritrovano, circoscritta e delimitata, la propria intimità. L’individualità di ogni lavoratore torna, per dieci minuti, a fluire in spazi compressi e precari proprio come il tempo di pausa concesso.
Durante questi dieci minuti la vita del lavoratore riparte e modifica le attitudini dei corpi. Essi appaiono in un limbo tra il lavoro ed il riposo. I lavoratori si rilassano o si chiudono in se stessi, trasformando lo spazio del lavoro in un non spazio di fuga.
Il tempo del lavoro si ferma ed improvvisamente perde ogni scopo produttivo. Le persone, le cose ed i gesti sono sospesi, isolati ed immersi in una profonda quanto percettibile soggettività. Dieci minuti non sono abbastanza per andare lontano: consentono di fare una piccola passeggiata, sono il tempo adatto per una sigaretta, per andare al bagno, per navigare velocemente in rete. Dieci minuti sono abbastanza per sedersi e pensare o forse no. E poi, tornare a lavoro.
Alcuni lavoratori chiudono se stessi in spazi angusti, altri cercano di rilassare completamente il corpo, mentre qualcun altro viaggia lontano grazie alla propria immaginazione. Ognuno è presente e assente allo stesso tempo.
Con questo lavoro Daniele Cinciripini prova a mostrarci la vita che si anima in questi dieci minuti.
Louise Clements, Ojo de Pez, #32

Le Aziende coinvolte nel progetto sono:

B&B Italia Spa (CO)
Maxalto Spa (CO)
Laminati Cavanna Spa (PC)
Gruppo Ivas (FC)
ICA Group (MC)
F.lli Guzzini spa (MC)
Cooperativa Agricola Cesenate (FC)
Europa Acciai (TE)

FORMAT 13, Derby UK 2013.

Facephotonews, Sassoferrato, 2013.

spazio ExWorks Vicenza, 2016

spazio ExWorks Vicenza, 2016

One of 8 selected works for 32nd of Ojo de Pez, 2013.

Expo Campaign 2015, contest: “Feed a different imagination”.